L’ingresso nella fase nazionale italiana da domande internazionali PCT: aspetti operativi

L’ingresso nella fase nazionale italiana presso l’UIBM da domanda internazionale di brevetto PCT avviene con il deposito della traduzione in italiano della domanda internazionale di brevetto come pubblicata dall’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (OMPI). La traduzione del testo della domanda di brevetto deve essere dichiarata conforme all’originale.

Nel caso di domanda di brevetto per invenzione industriale, l’ammontare delle tasse per le rivendicazioni eccedenti la decima rivendicazione è calcolato in base al numero di rivendicazioni della domanda internazionale pubblicata dall’OMPI.

Ne consegue che gli emendamenti ai sensi dell’art. 19 PCT sono gli unici emendamenti che possono efficacemente essere impiegati per ridurre il numero di rivendicazioni e l’ammontare complessivo delle tasse sulle rivendicazioni, mentre i successivi emendamenti sono intesi come accompagnatori della fase nazionale presso l’UIBM ma sono inefficaci per quanto concerne il conteggio delle tasse sulle rivendicazioni.

Le tasse sulle rivendicazioni non si applicano nel caso di ingresso nella fase nazionale italiana come modello di utilità che, al contrario del brevetto per invenzione industriale, ha una durata di dieci anni anziché venti.

In ogni caso, dovranno essere evidenziati gli emendamenti rispetto alla domanda internazionale come depositata e dovrà essere indicata la base di supporto nella domanda originale degli emendamenti, per dimostrare che tali emendamenti non aggiungono materia nuova alla domanda come depositata.

 

Mauro Eccetto

© Studio Torta (riproduzione vietata)

Ultime Notizie

Premio Innovazione AISOM 2024

27 Maggio 2024 | Eventi

Giovedì 30 maggio a Milano, a partire dalle ore 17.25 presso l’Aula Magna Azimut, avremo il piacere di presenziare al [...]